L’intimo rosso tra tradizione e moda

Pubblicato il: 27-12-2017 in intimo donna
#BrighentiBlog – L’intimo rosso tra tradizione e moda

La festa più sentita dell’anno è contornata da simboli, ai quali non riusciamo a rinunciare.

Dall’albero addobbato al presepe, al panettone, al bacio sotto il vischio, all’intimo rosso.

Sarà per tradizione o per scaramanzia.

Sarà per sedurre o per sentirsi preziose.

Sarà per seguire il trend del momento.

Sarà semplicemente perché anche l’intimo rosso contribuisce alla magia del periodo.

Di certo, regalare intimo rosso e, soprattutto, indossarlo l’ultimo giorno dell’anno è una tradizione molto radicata nel tempo, che manteniamo viva senza neanche pensarci. Come mangiare le lenticchie e brindare allo scocco della mezzanotte.

Le origini dell’intimo rosso a Capodanno sono antichissime. Alcuni le fanno risalire alla tradizione cinese, per la quale il colore rosso è simbolo di buon auspicio. Altri, la riportano ai tempi dell’Imperatore Ottaviano Augusto, quando in occasione del nuovo anno si indossava qualcosa di rosso, quale simbolo di potere, di fertilità e di fortuna.

Passano i millenni, cambia il mondo e si infrangono molte credenze, eppure l’idea di indossare intimo rosso per attendere l’arrivo del nuovo anno, si conferma un simbolo delle feste natalizie, diventando tradizione.

Si sa, le tradizioni corrono su un doppio filo.

C’è chi le rispetta alla regola e allora per Capodanno si indosserà rigorosamente intimo rosso, nuovo, sensuale, non comprato ma regalato.

E c’è chi se le adatta addosso, seguendo le preferenze personali, e allora sceglierà un elegante nero, un profondo blu o un nuance più tenui e romantiche da indossare l’ultimo dell’anno.

#BrighentiBlog – L’intimo rosso a Capodanno

La fine dell’anno significa anche tempo di consuntivi e bilanci.

Così come l’inizio che segue è il momento per fare previsioni e buoni propositi.

Quando nel 46 a.C, Giulio Cesare promulgò il calendario giuliano, il primo giorno dell’anno fu dedicato a Giano, il dio bifronte dalle due facce. Simbolicamente a rappresentare contemporaneamente l’uscita e l’entrata, una fine e un nuovo inizio.

Così come accade per la tradizione dell’intimo rosso a Capodanno, inconsciamente continuiamo a venerare la divinità romana a ogni fine anno, quando indugiamo in resoconti e progetti futuri, guardando indietro a ciò che è stato ma con la mente rivolta già a cosa sarà.

Avete mai provato a ripensare all’anno trascorso attraverso quello che abbiamo indossato? Proviamoci con gli indumenti di intimo che ci hanno accompagnato in questi ultimi 365 giorni.

Quello slip a vita alta, stile pin-up, per esempio, ci racconta di una donna un po’ giocosa un po’ femme fatale.

Oppure quelle trame floreali di pizzo alternate alle geometrie futuristiche che ci presentano una donna dinamica che non rinuncia alla sua vena romantica.

O ancora, i colori! L’anno dell’intimo rosso in tutte le sue sfumature, dal bourgogne al cremisi, ci rivela una donna piena di energia, ma con stile.

La leggerezza trasmessa dal ritorno del pizzo, la comodità ricercata con culottes e tessuti pregiati e la passionalità espressa con l’intimo rosso. Tutto ciò è stato il 2017, visto attraverso la lente della biancheria intima indossata.

Ora volgiamo lo sguardo oltre, verso ciò che sarà. Probabilmente, potremo intravedere la voglia di sperimentare continuando a trarre ispirazione dal passato. Di sicuro, troveremo la tendenza a ricercare l’essenziale, ripulito dall’artificiosità, per far prevalere la qualità e l’autenticità. Ma il futuro è un’incognita. Spaventosamente bella. E non ci resta che scoprirla.

Evoluzione e tradizione. Le due rette che reggono il mondo. E che spesso si incrociano, come nel caso dell’intimo rosso per questo Capodanno. Come buon auspicio per l’anno che verrà, lo indosseremo e ci sentiremo uniche e preziose. Buon intimo rosso a tutte.

L’intimo rosso tra tradizione e moda ultima modifica: 2017-12-27T13:45:21+00:00 da Boutique Brighenti

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *