Buon compleanno, bikini!

Pubblicato il: 05-07-2017 in costumi da bagno
Boutique Brighenti- buon compleanno bikini

Il 5 luglio è il compleanno del bikini. Il festeggiato più longevo nella storia della moda. Dalla sua nascita, ha attraversato ogni estate senza invecchiare, mantenendosi al passo con i tempi e, a volte, addirittura, dettando il ritmo ai cambiamenti.

Così come accadde, in quel lontano 1946, quando fece per la prima volta la sua comparsa su una passerella di moda.

Avere 71 anni e non sentirli.

Aver fatto la storia della moda e del costume e avere ancora tanto da dire.

Essere passato da indumento scandaloso a modello irrinunciabile di ogni estate.

Essere stato simbolo di libertà ed emancipazione e continuare a dare lo stesso senso di libertà.

Non è da tutti, soprattutto non è da tutti i capi di abbigliamento. Sono davvero pochi quelli che hanno attraversato la storia, sovvertendola e sopravvivendo a essa.

Il bikini è uno di questi, al pari forse solo della minigonna.

Le sue origini, si narra, si ritrovano nell’antica Roma e, infatti, ci giunge testimonianza attraverso il mosaico nella villa romana di Piazza Armerina a Enna, risalente al III secolo d.C. che raffigura ragazze coperte dal due pezzi che fanno attività sportive.

Boutique Brighenti - Storia del bikini

Ma il suo debutto in società, quello vero, si avrà molti secoli dopo. Ad opera dello stilista francese Louis Réard, che decise di chiamarlo Bikini in onore di uno dei tanti atolli delle Isole Marshall nel Pacifico centrale. L’isoletta in questione, Bikini Atoll, era famosa all’epoca perché era usata dagli Stati Uniti come base per test nucleari.

Mai nome fu più appropriato. Perché l’arrivo del bikini fu una vera e propria esplosione in quegli anni. Perché l’evoluzione del bikini è legata strettamente a quella dell’emancipazione femminile. Perché la storia del bikini cammina sullo stesso binario e di pari passo con la consapevolezza e l’affermazione del corpo della donna.

Scoprirsi per scoprirsi!

È questo, forse, il suo più grande risultato nella lunga storia che lo ha visto protagonista. Aiutare milioni di donne a liberarsi da tabù e preconcetti, da paure e pregiudizi, conducendole a mostrare il proprio corpo senza remore né timori nel mettere a nudo le proprie curve e anche le proprie imperfezioni.

Ai suoi esordi, non fu accolto con molto calore, più per una questione di morale dell’epoca che per un reale rifiuto estetico. La prima modella a posare in bikini fu, infatti, reclutata fra le ballerine del Casino de Paris, perché le modelle professioniste si rifiutarono di farsi immortalare in bikini.

Con il passare degli anni, il bikini inizia a farsi strada, più che sulle spiagge, nelle pellicole cinematografiche. È infatti da attribuire alle grandi attrici e dive di quegli anni la crescente accettazione di questo succinto indumento da parte delle donne.

Superato lo scoglio iniziale del pudore, si farà posto alla naturalezza di scoprirsi con pantaloncini sempre più sgambati e scollature sempre più ampie.

Negli anni Sessanta, grazie anche alla progressiva evoluzione dei tessuti utilizzati, come ad esempio le fibre di Lycra, che garantiscono una maggiore elasticità e vestibilità, il bikini si affermerà definitivamente, diventando così un immancabile capo da spiaggia per tutte le estati future.

Boutique Brighenti - Evoluzione del bikini

Da allora, seguirà fianco a fianco i cambiamenti sociali e i trend della moda, a volte adeguandosi a essi, a volte anticipandoli, nelle forme, nei tessuti e nelle nuance, come solo i grandi protagonisti della storia riescono a fare.

E allora, consapevoli che continuerà a essere presente in ogni estate di ogni tempo regalandoci grazia e bellezza, non ci resta che festeggiare il bikini…magari comprandone uno!

Buon compleanno, bikini! ultima modifica: 2017-07-05T09:02:54+00:00 da Boutique Brighenti

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *